Bollette luce e gas: arriva la rivoluzione

Bollette Luce e Gas: dal mecato tutelato a quello libero


Data pubblicazione: 29/09/2017

bollette

Arriva la rivoluzione delle bollette di luce e gas: dal mercato tutelato a quello libero.

Il Mercato Tutelato andrà in pensione a luglio del 2019 e quindi tra un anno e mezzo. Purtroppo però sono già partite le prime truffe e i primi raggiri a danno dei consumatori. Ecco dunque cosa cambierà nel 2019, quale è la differenza tra mercato libero e quello di maggior tutela e come difendersi dalle trappole.

Mercato tutelato Vs Mercato libero

Con l'abolizione del mercato tutelato, gli attuali operatori che applicavano tariffe regolamentate dallo Stato saranno sostituti da nuovi operatori che offriranno tariffe sulle quali lo Stato non potrà intervenire. Tutti gli intestatari di un contratto di luce e gas, appartenenti al servizio tutelato, dovranno obbligatoriamente passare al mercato libero, scegliendo a quale compagnia energetica affidarsi. Il Mercato Libero è caratterizzato dalla presenza di diverse compagnie energetiche private che scelgono i costi delle tariffe di gas e luce in totale autonomia. Il mercato libero è vigilato dall’AEEGSI insieme all’Antitrust per garantire non solo il controllo ma anche la corretta gestione dei prezzi. Il Mercato di maggior tutela è quello il cui regime dei costi è stabilito dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico. 

Questo servizio riguarda sia i clienti domestici sia le aziende che hanno un prezzo dell’energia e del gas stabilito dall’Autorità ogni tre mesi.

Come tutelarsi da eventuali raggiri?

La Federconsumatori invita i cittadini a prestare la massima attenzione a telefonate e offerte troppo invitanti, rappresentano dei raggiri in quanto la fine del mercato tutelato ci sarà a luglio 2019 e non alla fine del 2017. In merito alla faccenda è scesa in campo anche la Confconsumatori, spiegando alle famiglie che potranno restare con il mercato tutelato fino al periodo ufficializzato. Successivamente dovranno per forza sottoscrivere un nuovo contratto nel Libero Mercato, avendo tutto il tempo per informarsi e scegliere accuratamente a quale gestore affidarsi.

Proprio per questo la Confconsumatori consiglia di visionare accuratamente le varie voci di spesa del contratto in cui è indicata la rateizzazione, la morosità, la fatturazione e tanto altro.​