Energia e mercato libero: Insidie e opportunità

Dal '99 via al mercato libero dell’energia elettrica


Data pubblicazione: 29/03/2017

Il processo di liberalizzazione è stato progressivo ed è tuttora in corso; nel 2007 infatti il mercato è stato liberalizzato anche per le utenze domestiche, consentendo a migliaia di famiglie di cambiare fornitore. I trader sono cresciuti esponenzialmente eppure questo “passaggio” non è ancora completo. Dal 2018, inoltre, è prevista la scomparsa della tariffa del Servizio di Maggior tutela, regolata dall’Autorità a favore dei piccoli consumatori: Questa sarà l’ultima tappa e renderà obbligatoria la scelta del fornitore e delle tariffe. Piccole imprese e famiglie sono diffidenti rispetto al mercato libero a causa degli esiti non sempre positivi per chi già ha affrontato questo passaggio; i clienti lamentano disagi legati alle tariffe, che talvolta scoprono essere più elevate di quelle della Maggiore Tutela.

Quali sono le maggiori difficoltà?

Doppia fatturazione, tardiva fatturazione e conguagli inesatti sono i problemi più frequenti, senza contare che le offerte contengono spesso opzioni che costituiscono costi occulti in fattura, rendendo difficile la comparazione delle diverse proposte. Per concludere un contratto competitivo occorre conoscere bene il mercato e le sue regole, in quanto anche trader molto noti propongono spesso tariffe poco concorrenziali. Imprese energivore grandi imprese, invece, riescono ad approfittare al meglio delle offerte del libero mercato, agevolate dai servizi di consulenza dedicati, come FatturOK, che tranquillizzano il cliente con strumenti affidabili e di ultima generazione. FatturOk è il software che controlla le bollette aziendali; grazie a questo dispositivo valutare un nuovo fornitore, supportato da un team di professionisti esperti, è semplice e orienta gli imprenditori nell’enorme mercato delle proposte commerciali. Scopri la pagina dedicata a questo servizio.