Il software di controllo bollette a prova di switching

Un sistema informativo centralizzato per agevolare switching, volture e subentri. Conosciamo il SII.


Data pubblicazione: 15/10/2019

Il SII ha migliorato la gestione delle utenze da parte dei fornitori e agevolato le procedure legate al cambio di fornitore di energia elettrica e di gas per i consumatori. Un sistema che offre numerosi vantaggi agli operatori del settore e che potrebbe generare alcuni problemi ai consumatori aziendali.

Sistema Informativo Integrato: che cos’è il SII e cosa permette di fare

cambio fornitore energia elettrica e gas e ricalcoli erratiIl SII, Sistema Informativo Integrato, è un sistema introdotto in Italia con la legge n. 129 del 2010.

Istituito presso l’Acquirente Unico e regolamentato da norme imposte da ARERA, il SII è una banca dati gestita da un soggetto terzo indipendente.

Si tratta di un grosso contenitore di informazioni previsto per garantire una maggiore regolarità nella trasmissione e nell’utilizzo dei dati relativi a tutti i soggetti coinvolti nel servizio di fornitura di energia elettrica e di gas naturale, quali: fornitori, distributori e clienti.

In particolar modo coinvolge gli operatori e gli utenti interessati dal Mercato Tutelato e dal Mercato di Salvaguardia, il tutto nel rispetto della privacy.

Sebbene sia arrivato ufficialmente nel 2011, questo sistema è operativo dal 1° giugno 2016 per l’energia elettrica e da dicembre 2018 per quello di gas naturale.

Grazie a questo portale viene eliminata la vecchia comunicazione bilaterale per fare spazio a un sistema unico dal quale accedere per comunicare cambi di fornitura, passaggi a vecchi distributori o riabilitare delle utenze.

Inoltre, con l’introduzione del SII vengono:

  • Agevolate le operazioni grazie alla riduzione degli errori e delle disfunzioni
  • Abbreviati i tempi di elaborazione delle richieste dei consumatori
  • Garantiti lo sviluppo della concorrenza e l’allineamento delle informazioni tra distributori e fornitori
  • Ridotti i costi per la modifica di forniture e/o utenze          

Switching, voltura e subentro: con il SII cambiano modalità e tempistiche

L’introduzione del SII ha giovato non solo a distributori e fornitori, ma soprattutto ai consumatori, sia privati che aziendali. Questo perché tra i grandi vantaggi del sistema informativo integrato c’è quello della riduzione delle tempistiche richieste per lo switching o la riattivazione di utenze e contatori.

Lo switching sussiste quando un consumatore chiede il passaggio da un fornitore di energia elettrica o di gas a un altro. Se prima questo cambio veniva effettuato nell’arco di tre mesi, oggi, grazie al SII, bastano 3 settimane.

Le comunicazioni per rendere effettivo il passaggio non spettano più al consumatore perché con il SII è il nuovo fornitore che accede al portale e che provvede a comunicare le volontà del cliente al vecchio venditore.

Anche in caso di switching con riserva – ritiro della richiesta e ritorno con il vecchio fornitore – tutto viene gestito da quest’unico sistema centralizzato.

Per quanto riguarda subentro e voltura le modalità e le tempistiche cambiano.

La voltura consiste nella richiesta del consumatore di modificare l’intestatario di un’utenza attiva. Che si tratti di energia elettrica o di gas naturale per rendere effettiva la voltura, oggi, bastano solo 4 giorni lavorativi.

Al richiedente spetta solo verificare l’esattezza dei dati presenti in fattura: nominativo, codice fiscale e domicilio dell’intestatario.

Il subentro, invece, consiste nella riattivazione della fornitura elettrica a seguito della cessazione di un contratto. Qui i tempi per l’elaborazione della pratica si differenziano a seconda che si tratti di energia elettrica o di gas naturale.

Per il subentro di energia elettrica al fornitore servono 2 giorni lavorativi per comunicare i dati e ulteriori 5 giorni per rendere effettivo il subentro: una settimana in totale.

In caso di subentro di fornitura di gas naturale i giorni lavorativi utili alla comunicazione dei dati da parte del fornitore restano 2; quest’ultimo passa poi la richiesta al distributore locale di gas metano il quale a sua volta ha 10 giorni di tempo per inviare un tecnico al richiedente per eseguire l’attivazione.

Grazie al SII i fornitori hanno la possibilità di verificare che un’utenza sia attiva e che il consumatore richiedente non sia moroso.

Cambio fornitore energia elettrica o gas: aziende care attenzione ai ricalcoli

Per il passaggio da un fornitore all’altro o l’attuazione di un subentro o di una voltura al consumatore talvolta vengono addebitate solo le spese dovute, spesso tra l’altro irrisorie.

La questione si complica però quando vengono effettuati i ricalcoli.

Prima dell’introduzione del SII risultava alquanto complicato stabilire con esattezza l’importo dovuto dal consumatore per i periodi di consumo effettuati.

Oggi, sebbene le cose siano migliorate, bisogna comunque prestare molta attenzione quando si riceve una bolletta, soprattutto quelle aziendali. In questo caso, infatti, i consumi di energia elettrica e/o di gas sono maggiori e talvolta fatturazioni scorrette potrebbero comportare l’addebito di un costo più alto rispetto a quanto spetta.

Risultato? Inconsapevole dei ricalcoli inesatti, il cliente riceve e paga una bolletta salatissima.

La soluzione? Il software di controllo bollette di FatturOk

Evita gli addebiti non dovuti con il software di controllo bollette FatturOk.
Il sistema capace di analizzare ogni singola voce presente nella fattura caricata e di rilevare tutte le eventuali anomalie esistenti.

Oltre alla versione spot che ti permette di analizzare una singola bolletta gratuitamente, ti proponiamo anche una versione full per accedere alla tua area riservata e analizzare bollette, conguagli e interi periodi di fatturazione ogni volta che desideri.

Tutela i tuoi risparmi, scegli FatturOk.