Tariffe energia a confronto: come controllare le bollette aziendali

Gli elementi che caratterizzano le offerte di energia elettrica e gas.


Data pubblicazione: 09/07/2019

Scegliere l’offerta commerciale per la fornitura energetica aziendale non è mai semplice. Esistono tariffe a prezzo fisso e tariffe a prezzo indicizzato le cui caratteristiche vanno conosciute per poter avere il controllo delle bollette aziendali. Scopriamo di più.

Componenti e indici energetici

tariffe energia a confronto per il controllo bolletteLe offerte commerciali proposte dai fornitori energetici vengono formulate in base ad alcune componenti, la cui conoscenza diventa fondamentale per comprendere da cosa dipende l’aumento o la diminuzione delle bollette aziendali ricevute.
 
La componente energetica è l’unico elemento che, sia per la fornitura di energia elettrica sia per quella del gas, può essere controllato.
Si tratta dell’unico valore che viene determinato dall’andamento del mercato e che non viene stabilito o imposto dall’Autorità.
 
Gli indici, invece, sono fattori il cui valore serve a determinare il prezzo mensile dell’energia elettrica e del gas. Per l’energia elettrica, ad esempio, c’è il PUN, il prezzo unico nazionale, che risulta essere affidabile e trasparente perché pubblico e consultabile sul sito del GME (Gestore dei Mercati Energetici). Per il gas, invece, ci si attiene agli indici utilizzati dalle Borse del gas.
 
Componente energetica e indici permettono ai fornitori di realizzare offerte commerciali a prezzo fisso e a prezzo indicizzato.

Le offerte a prezzo fisso

Le offerte commerciali formulate su un prezzo fisso presentano un valore che resta invariato per tutta la durata del contratto di fornitura, solitamente di 12 o 24 mesi.
 
Il prezzo fisso può essere:

  • Monorario: il suo valore resta lo stesso durante tutto l’arco della giornata
  • Suddiviso in tre fasce: il suo valore subisce delle variazioni durante l’arco della giornata in base alle fasce giornaliere distinte in F1, F2 ed F3 dalle quali dipenderà anche il costo della bolletta
  • Suddiviso in due fasce: la giornata viene suddivisa in due parti e il costo della bolletta dipende dal momento della giornata in cui vengono registrati i consumi di energia elettrica       

Scegliere un’offerta contrattuale a prezzo fisso significa poter ipotizzare il valore mensile della propria bolletta aziendale e non subire, dunque, aumenti o diminuzioni durante tutta la durata del contratto di fornitura elettrica. 
Le offerte a prezzo fisso, però, portano il cliente a non poter beneficiare di eventuali cali che potrebbe subire il valore della componente energetica.

Le offerte a prezzo indicizzato

Le offerte commerciali a prezzo indicizzato prevedono la possibilità per l’utente di pagare una bolletta avente un importo variabile, in quanto caratterizzate dalle mutazioni degli indici.
Per l’energia elettrica, l’indice di riferimento è il PUN, ossia il prezzo unico nazionale.
Si tratta del prezzo di scambio dell’energia elettrica stabilito dalla Borsa elettrica nazionale, rilevato quotidianamente e definito con una media mensilmente. 
L’indice del Gas, invece, viene aggiornato con cadenza trimestrale.
 
Con una tariffa a prezzo indicizzato la controparte potrebbe beneficiare di eventuali cali degli indici e ricevere bollette aventi un importo più basso. Questo vale, però, anche per gli aumenti: se il valore degli indici aumenta l’importo della bolletta aziendale sarà più alto.
Le offerte commerciali caratterizzate da un prezzo indicizzato presentano, dunque, una doppia variazione: in base ai consumi effettuati e in base agli indici del mercato di riferimento.

Come scegliere l’offerta giusta per le tue forniture aziendali

Per scegliere l’offerta o la tariffa più adatta ai tuoi consumi aziendali bisogna valutare attentamente alcuni aspetti: le necessità aziendali, l’entità dei consumi energetici, le fasce orarie di maggior consumo e i momenti di inattività degli impianti.
 
L’analisi di questi aspetti e il confronto delle offerte commerciali presenti sul mercato però non basta.
 
Infatti, l’aumento della bolletta aziendale non dipende solo dalla tariffa commerciale scelta, in quanto anche altri fattori incidono sulla definizione dell’importo da pagare.
 
Ecco perché è utile affidarsi alla consulenza di professionisti esperti nel controllo bollette e nella gestione delle forniture aziendali.

Il team di FatturOk è in grado di fornirti una consulenza che parte da un’analisi accurata delle tue esigenze, continua con la ricerca del fornitore e dell’offerta commerciale adatti ai tuoi consumi aziendali e termina solo quando sei soddisfatto.
 
Compila il form per una prima consulenza completamente gratuita.